Dopo il terremoto che ha sconvolto Amatrice e altri comuni tra Lazio, Umbria e Marche, ci siamo mobilitati per dare un supporto alla gente colpita, e parallelamente abbiamo potuto approfondire da vicino l’economia dell’amatriciano, o meglio dire quel che resta, raccogliendo le storie di tantissime persone. Molti agricoltori e allevatori montani vendevano direttamente i loro prodotti ad Amatrice e dintorni, una vendita al minuto fatta direttamente ai negozi e ai turisti che frequentavano questo bellissimo territorio montano dei Monti della Laga. Dopo il terremoto tutto questo non è stato possibile, qualcosa è stata venduta ai volontari che operano in zona ma il resto è ancora nei magazzini o nei campi. Spesso anche le strutture sono danneggiate, i laboratori, i magazzini. Il rischio è perdere gli interi raccolti o dover svendere i loro prodotti. I volontari del progetto Amatrice 2.0 hanno censito questi agricoltori e raccolto i loro fabbisogni e le loro necessità. Stiamo organizzando un sistema per vendere questi prodotti attraverso i GAS Gruppi di Acquisto Solidale o direttamente alle persone o ai gruppi spontanei. I volontari aiutano nella raccolta, trasformazione del prodotto agricolo, il suo confezionamento e la distribuzione. La prima esperienza la stiamo facendo con i produttori di patate, seguiranno prodotti come i fagioli, il mais, o prodotti come il formaggio.

92eeeb55-6851-46c1-82a1-cc6da4b3f59f

Prima di ipotizzare qualsiasi tipo di progetto, volevamo avere una mappatura quanto più precisa del tessuto economico locale prima del terremoto da confrontare con ciò che ne rimane oggi: chi ancora lavora, chi produce, cosa produce. Tutti questi dati siamo andati a recuperarli sul campo: viaggiando di frazione in frazione, chiedendo a chi è rimasto, incontrando allevatori e piccoli imprenditori scampati alla tragedia e che cercano di rimettersi in piedi. Abbiamo incontrato piccole, piccolissime e medie aziende, gente che ha perso tutto e gente che fortunatamente non ha perso molto.

Per ora il punto di distribuzione è presso l’associazione Reseda via Lombardia 23 Genzano di Roma tel 069364170, stiamo organizzando per i gruppi di acquisto a livello nazionale ma ci vorrà un poco di tempo. Chi vuole organizzare un gruppo di acquisto può contattare direttamente la RESEDA che vi metterà in contatto con queste realtà e vi aiuterà nel creare la rete.

Le produzioni ad Amatrice e dintorni sono davvero poche. Quello che emerge è una realtà di piccole aziende situate nelle campagne delle frazioni intorno ad Amatrice, Accumoli e Arquata, che prima vendevano agli abitanti e villeggianti dei Comuni di riferimento, e che oggi si trovano a doversi inventare da zero una filiera di vendita, senza avere in molti casi gli strumenti necessari, un pastore nato e cresciuto in campagna non solo non conosce l’esistenza di una rete di gruppi di acquisto, ma non è capace autonomamente di raggiungerli.

14656450_10210172026434672_7167653817089205668_nA fianco di questi ci sono le medie aziende, che di danni importanti non ne hanno avuti, né strutturali né sulla filiera, in quanto erano e sono tuttora inseriti in circuiti proficui di vendita, grande distribuzione organizzata, fiere e mercati, gruppi di acquisto, ecc

Una piccola nota per fare attenzione a certe raccolte di fondi.  Se incontriamo in un grande supermercato un formaggio o del guanciale venduto come “a favore delle zone terremotate”, dobbiamo chiederci da dove venga e come sia ottenuto quel latte o quella carne, visto che le aziende che riforniscono la grande distribuzione organizzata devono disporre di quantitativi di latte tali da non essere congrui con la produzione di un piccolo centro montano come Amatrice o con dei criteri di allevamento etico o sostenibile.

Quello che ora noi stiamo cercando di fare, è immaginare un percorso di ricostruzione e di sviluppo che rispetti la vocazione dei luoghi, il meraviglioso paesaggio naturale, e la fatica di chi ha scelto di restare. Lo stiamo facendo insieme ai produttori rimasti che condividono questa nostra visione, che si contano sulle dita di una mano, e che al momento non sono organizzati per spedire in tutta italia.

14718609_10210144226219684_2401142018007080360_n

Annunci